Navigation Menu+

Il veterinario risponde

Le lesioni della pelle nel gatto

Buonasera, non riesco a capire che cosa abbia la mia gatta, ha un escoriazione diffusa sul muso sotto l’occhio da più di 1 anno, abbiamo fatto l’esame delle croste ma non risultano ne rogna ne tigna … la veterinaria dice che è solo una ferita che si infetta… quali altre ipotesi dovrei valutare? grazie

Le lesioni facciali del gatto aprono un’ampia discussione perchè le cause possono essere molto diverse; bisogna intanto distinguere se il gatto si gratta oppure no; giustamente la prima cosa da fare è escludere le cause parassitarie e le micosi (una delle quali è la tigna) che si possono anche trasmettere all’uomo; altre cause di lesioni facciali possono essere le infezioni batteriche, le allergie che danno un forte prurito facciale, le malattie autoimmuni fino ad alcuni tipi di tumori che colpiscono i gatti a pelo bianco.

E’ importante anche valutare la razza e l’età del gatto perchè alcune malattie sono specifiche per particolari razze o diverse per le diverse età: è raro che siano tumori in gatti molto giovani oppure allergie in gatti anziani se non ne hanno mai sofferto prima. Essendo cosi tante le cause non è facile avere una diagnosi immediata e a volte devono essere fatti diversi accertamenti prima di arrivare ad una risposta certa: di grande aiuto è poter fare una biopsia cutanea, ossia prelevare un pezzetto di cute e mandarlo ad analizzare per poter escludere alcune di queste cause. Chieda al suo veterinario, saprà consigliarla al meglio.

Sterilizzazione cagnolina

Buongiorno dottoressa, ho preso una cagnolina meticcia che ora ha tre mesi; vorrei sapere qual’è il momento giusto per sterilizzarla.Ho anche sentito dire che prima della sterilizzazione è meglio farle fare una cucciolata, lei che ne pensa?

La sterilizzazione è un intervento chirurgico in anestesia totale che comporta l’asportazione delle ovaie e di una parte di utero. Può essere fatta in qualsiasi momento dai sei mesi in poi ma, se viene fatta prima del primo calore o subito dopo, la percentuale di avere tumori mammari in età avanzata è molto bassa, percentuale che invece si alza dopo il secondo calore e che rimane invariata dal terzo calore in poi. La necessità di far fare alla cagna una cucciolata almeno una volta nella vita è una leggenda metropolitana molto suggestiva ma che non ha nessun valore scentifico; infatti la gravidanza e il parto non prevengono i tumori come tante persone credono, nè le “gravidanze isteriche”, cioè la produzione di latte associato ad un comportamento materno dopo circa quasi due mesi dal calore senza che la cagna sia effettivamente in uno stato di gravidanza. Al contrario le cagne che hanno questo problema beneficeranno invece della sterilizzazione che preverrà sia la lattazione sia dei comportamenti anomali.