Gli avvelenamenti e le intossicazioni il più delle volte sono trattate dal veterinario con terapie sintomatiche (cioè destinate a combattere i sintomi) e con generiche terapie disintossicanti. Questo perché molte volte la sostanza responsabile dell’avvelenamento rimane sconosciuta ed in altri casi non è disponibile l’antidoto verso un determinato tossico.
spazio2.gif
COME AGIRE IN CASO DI INGESTIONE DI SOSTANZE TOSSICHE?

Sia nel caso di ingestione di sostanze che di piante velenose possono comparire le più disparate alterazioni a seconda dell’azione del principio tossico. I sintomi più comuni sono:
– rifiuto assoluto del cibo, vomito e diarrea (a volte con sangue); possono essere anche presenti: ecchimosi diffuse sul corpo (avvelenamento da topicidi anticoagulanti) aumento della salivazione, tremori muscolari e convulsioni;
– in altri casi l’animale può apparire fortemente depresso o addirittura incosciente, con le pupille dilatate ed avere una temperatura corporea al di sotto della norma. Non ricorrete a rimedi casalinghi, come la somministrazione di latte che in alcuni casi può peggiorare la situazione favorendo l’assorbimento del tossico, o quello di indurre il vomito, che in caso di ingestione di caustici può aumentare l’entità delle lesioni. Occorre comunque recarsi con urgenza dal veterinario.
spazio2.gif
COME AGIRE IN CASO DI CONTATTO CON UN TOSSICO?

Le sostanze tossiche possono, pur non essendo ingerite, espletare la loro azione da contatto con il corpo dell’animale (cute, occhi, bocca). In questi casi è fondamentale detergere accuratamente la zona colpita con acqua tiepida e sapone neutro. Se risultasse impossibile la rimozione del prodotto (vernici, catrame) non si deve ricorrere all’utilizzo di solventi, ma si taglia il pelo imbrattato. La lesione deve essere medicata con una pomata antibiotica, coperta con una garza e sottoposta ad un controllo dal veterinario.

Torna alla pagina principale

spazio2.gif

Realizzato interamente dal GRUPPO BAIRO Onlus

Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com