Il 2011 era appena iniziato quando una signora si presentò alla nostra casa-rifugio con volto triste e sofferente: alla sua anziana mamma era stato diagnosticato un tumore e da quel giorno la vita in quella famiglia era cambiata drasticamente: continue visite all’ospedale di Arezzo, infermiere che si recavano a domicilio per le cure, il lavoro che bene o male i famigliari non potevano abbandonare… uno sconvolgimento delle abitudini e dei ritmi tale da dover cambiare molte cose.
Tra queste, il non poter più accudire come prima il giovane cane di casa. Per questo motivo, Poldo inizialmente era stato messo nel fondo di casa, ma lui non ne voleva proprio sapere di starsene là rinchiuso per lunghe ore, e giustamente dava sfogo al suo malessere abbaiando in continuazione, suscitando così le proteste dei vicini. Insomma, Poldo doveva essere allontanato definitivamente.
Così la figlia della signora gravemente ammalata venne a chiedere aiuto a Lo Scudo di Pan, con le lacrime agli occhi. Poldo è stato accolto e si è integrato bene, e di questo non possiamo che ringraziare gli altri cani che lo hanno accettato senza problemi.
Ma Poldo è un cane giovane e vivace, ha tantissimo amore da dare, e speriamo che il futuro gli riservi una vera famiglia adottiva!

Poldo è stato finalmente adottato da una meravigliosa famiglia che si è subito innamorata di lui!

Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com