SELINA

Selina è arrivata alla casa-rifugio nel novembre 2011, giorno campale per la nostra piccola Associazione, dato che nella stessa data vennero accolti altri due gatti, di cui una con il bacino fratturato.

Selina invece era solo molto spaventata, in quanto non abituata ad essere presa e rinchiusa in una portantina. A portarcela da San Leo di Arezzo è stato un ragazzo di nome Luca, sposato da poco e neo-papà, il quale aveva notato già da giorni questa bella gatta molto timorosa e allontanata dagli altri gatti del quartiere. Mosso a compassione, ci ha contattato pregandoci di accoglierla: lui avrebbe pensato alle spese di sterilizzazione, ad eventuali cure e all’adozione a distanza.

Accettata la sua richiesta dalla direttrice della nostra modesta struttura, Luca si è affrettato ad effettuare la cattura nel modo meno traumatico possibile e a consegnarcela. Animo sensibile e generoso, Luca si è commosso nel vedere tutti i nostri numerosi ospiti, al punto di voler adottare a distanza non solo Selina come promesso, ma anche gatto Spino, un decano della casa-rifugio. Luca di tanto in tanto, quando gli impegni di lavoro glielo permettono, viene a trovare la sua protetta, la quale nel frattempo si è molto tranquillizzata e si fa accarezzare con visibile piacere.

Selina ha un problema di insufficienza renale, che risolve assumendo una pasticchina al giorno…è bellissima, in ottima forma e davvero molto dolce! Venite a conoscerla!

Per informazioni CHIAMATE PATRIZIA – cell. 335.251121

 

Oscar

Il leonino Oscar arrivato da noi più morto che vivo.
Era stato ferito da un animale selvatico e la sua convalescenza è stata davvero lunga. Durante le cure è emersa dagli esami la positività alla Fiv (leggi qui per sapere di che si tratta).
Anche in questo caso, come per Macchia, vedevamo che, purtroppo smagrito, triste, piegato dalla sofferenza, Oscar era un bel gattone!
E’ un po’ timido, ma molto tenero se avvicinato con dolcezza, poiché probabilmente, nella sua vita, ne ha avuta così poca.
Adesso Oscar sta bene, e si è unito agli altri ospiti del recinto Fiv+.
Beh, venite a conoscerlo!

CHIAMATE Patriza, tel.335.251121

 

Macchia

Macchia è un micione dal pelo lungo, Fiv+ (leggi qui per sapere di cosa di tratta).
E’ arrivato allo Scudo di Pan molto sofferente, ed ha avuto bisogno di una alimentazione tutta sua, quindi non è stato unito agli altri mici del recinto Fiv, ma in un ambiente dove nessuno rivaleggiasse con lui per la sua pappa speciale.
Per noi era subito stato chiaro che fosse un bel gatto…ma la sua trasformazione, dovuta a un po’ di cure e attenzioni, ci ha aperto il cuore. Eccolo, qui, Macchia!

Per conoscerlo CHIAMATE Patrizia, tel. 335.251121

 

Simba

Lo sappiamo…non è politically correct. …I gatti felv+ (leggi l’articolo per saperne di più) non li vuole (quasi) mai nessuno  …
Ma lui è Simba, e al contrario del nome altisonante è un pezzettino di gatto. È innamorato degli umani e fa fusa di alta qualità, ha avuto un incidente e, nonostante le cure e tanta convalescenza la sua bocca è rimasta un po’ storta…noi troviamo che questo difetto lo renda incredibilmente fascinoso e sornione!!!

I mici felv hanno un aspettativa di vita più bassa rispetto ad un gatto sano..ma lui è Simba e merita di essere conosciuto e accarezzato (anche perché è morbidissimo ed è un ottimo portatore di sorrisi a chi lo coccola).

Se vi fa piacere conoscerlo chiamate Patrizia 335 251121

Conan

Questo è Conan.
E Questo è quello che facciamo. Proviamo a curare e accudire anche i casi più difficili (sospetto di tumore a naso e occhio).
Abbiamo deciso di renderlo pubblico perché questo è quello che facciamo, e non è facile.
Con Conan vogliamo ringraziare tutti i volontari, i nostri veterinari di fiducia, i soci, gli amici reali e virtuali su fb e sul sito e tutti coloro che ci aiutano e ci sostengono nei più svariati modi per aiutare i nostri ospiti pelosi💖
È dura ma noi ci mettiamo tutto il coraggio e il cuore.

18/09/2017
Questo è il nostro Conan dopo l’intervento (Forza Conan!!!):

Hufem

21/06/2017

Cosa succede quando un animale di famiglia perde l’unica persona che lo amava veramente, che lo difendeva dall’insofferenza degli altri parenti? Succede che quell’animale viene subito allontanato da casa. Così è stato per Hufem, un meraviglioso gattone tigrato che adorava la ragazza con la quale divideva tutto in casa, momenti belli e momenti burrascosi, carezze, fusa, pianti e urla!

La sua giovane padroncina era affetta da disturbi della psiche ed era caduta nella trappola delle droghe pesanti: la casa dove abitava con i suoi genitori diventava in certi momenti un inferno. Lei tentò varie volte il suicidio, infine venne ricoverata in modo stabile in un centro specializzato per alleviare, se non guarire, il suo desiderio di autodistruzione.

Hufem sarebbe finito sulla strada se un’assistente sociale, che seguiva da mesi la ragazza, non avesse acconsentito ad esaudire il suo più forte desiderio: sistemare presso qualcuno l’ unico, vero affetto della sua tribolata vita.

Hufem è nostro ospite dall’ottobre del 2007. Direi che sia giunto il momento che qualcuno gli dedichi l’amore che merita…Fatevi sotto, adottanti a cui vanno bene anche i micioni vecchiotti! Hufem vi aspetta ronfoso e coccolone!!!

 

 

 

Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com