Gatti abbandonati: con l’estate l’impennata del fenomeno.
Tra canile Enpa e Scudo di Pan accolti oltre 120 esemplari.

Nadia Frulli
Nadia Frulli

“Ero al lavoro e proprio nei pressi dello stabile ho trovato un gattino: che fare? Per alcuni giorni lo abbiamo tenuto in azienda e poi ho provato a sistemarlo”. E’ l’esperienza di un lettore che si è trovato faccia a faccia con una delle piaghe dell’estate: l’abbandono di cuccioli di gatto. Gattini belli, bellissimi, ma fragili e spesso bisognosi di cure, che ogni anni nella stagione che va da maggio a settembre a decine e decine vengono abbandonati.

Il fenomeno di anno in anno persiste, e presenta numero pesanti. “Da noi, nella casa rifugio di Scopetone – raccontano i volontari dello Scudo di Pan, onlus aretina nata nel 2006 che offre un rifugio a tanti randagi – da maggio ad oggi sono arrivati circa 30 gattini: è una vera emergenza“. “Ma ogni anno, spiega uno dei soci – Cinzia Patricolo – si arriva a circa un centinaio”.

gatti-abbandonati

Un dato, quello parziale, che quadruplica nel territorio del Comune di Arezzo se si considerano gli esemplari arrivati al canile di via della Cella, gestito dall’Enpa: “Da inizio anno – spiega Sandra Capogreco – da noi ne sono entrati 98 (quasi tutti dal 20 aprile in poi) contro 30 dati in adozione. I gatti che arrivano da noi, vengono visitati, curati e poi si tenta di darli in adozione. Quando non è possibile, sono rimessi in libertà nella più grande colonia felina di Arezzo che è appunto presso il canile comunale. Insomma facciamo del nostro meglio, accogliendo gli animali nello spazio disponibile: ovvero 2 stanze con gabbie e presso alcuni  volontari”.Alla casa rifugio di Scopetone sono ospitati 26 cani  (dei quali alcuni con patologie che richiedono costanti cure mediche, vittime di maltrattamenti e in molti casi salvati dalle forze dell’ordine che poi li hanno affiadati allo Scudo di Pan) e c’è spazio per 80 gatti: “Di solito – spiega Patricolo insieme ai volontari – i gatti che accogliamo sono tutti in situazioni difficili: adulti, malati, bisognosi di cure per i quali sosteniamo tutte le spese veterinarie, compresi quelli per interventi chirurgici se se ne presenta il bisogno. Poi ogni estate arrivano tutti i gattini: cucciolate abbandonate, lasciate vicino ai bidoni o trovate nelle pertinenze delle abitazioni dove a volte le gatte vanno a partorire. Finché possiamo li accogliamo, li facciamo curare, sverminare e provvediamo ai loro bisogni. Ma la situazione ogni estate si presenta difficile. Una vera emergenza”.

gattino-abbandonato

In molti casi dietro all’abbandono di intere cucciolate c’è la reticenza a sterilizzare le gatte. “Da un lato per una questione economica – spiegano i volontari – i costi possono arrivare fino a 120 euro. Dall’altro invece è proprio una questione di cultura: molti pensano sia un’atto contro natura, ma in questa situazione non lo è affatto. Anzi”.

“E’ necessaria una vera campagna di sterlizzazione – sottolinea Sandra Capogreco dell’Enpa – colgo l’occasione per lanciare un appello all’Ufficio diritti degli animali del Comune di Arezzo: è necessario un piano specifico nel quale l’ufficio potrebbe coordinare gli enormi sforzi delle associazioni per riuscire a far fronte a questa problematica“.

Appello condiviso anche dallo Scudo di Pan: “Fare rete – spiega Patricolo – è l’unico modo per riuscire a far fronte a questa emergenza”.

Di pari passo c’è il lavoro della Usl: per quanto riguarda le colonie di gatti, è possibile rivolgersi alla Asl che ha attivato un apposito servizio per sterilizzare gratuitamente le colonie censite. “Un servizio che pochi conoscono – spiegano i volontari dello Scudo di Pan – ma che è molto importante per contrastare il fenomeno degli abbandoni”. Resta da capire quante colonie siano state censite, ma di questo ci sarà ancora modo di parlare.

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com